AVVISO
Dall' 1 Aprile 2017 tutte le collaborazioni con case editrici e autori sono sospese.
Mi riservo di pubblicizzare soltanto i libri che ritengo per mio gusto interessanti.
Qualsiasi altra richiesta non verrà presa in considerazione.

    

domenica 17 marzo 2013

Recensione: "L'accademia dei vampiri" di Richelle Mead

Altra saga libresca/vempiresca, quella di Richelle Mead. Letto il primo libro, lo recensisco, e mi appresto a leggere il seguito.

Titolo: L'accademia dei vampiri
Titolo originale: Vampire Academy (Vampire Academy #01)
Autore: Richelle Mead
Casa editrice: Rizzoli
Pagine: 432
Prezzo: 17,00€
Data di uscita: 4 novembre 2009


Trama
Piegai la testa di lato e scostai i capelli, lasciando scoperto il collo. La vidi esitare, ma la vista del mio collo e di ciò che le offriva fu troppo convincente. Un’espressione affamata le attraversò il viso, e le sue labbra si schiusero un poco, snudando i canini…
Fuggire dall’Accademia dei Vampiri per rifugiarsi fra gli umani sembrava l’unica strada per una vita “normale”. Ma a due anni dalla fuga, Lissa, principessa erede di una delle più nobili casate di vampiri Moroi, e Rose, sua migliore amica e guardiana, vengono ritrovate e riportate fra le mura del college.
Dietro l’apparente ritorno alla normalità si nasconde una lotta senza regole né morale per il controllo di un potere di cui Lissa è l’ignara custode. I pettegolezzi, gli sguardi curiosi, le malignità mascherate da amicizia sono i nemici più facili da sconfiggere. Il pericolo reale si mostra solo quando decide di colpire. Lissa pagherà con la vita, se Rose non sarà capace di proteggerla.



La mia recensione

Ho iniziato a leggere questo libro con il Gruppo di Lettura di Reading is Bealiving, e devo dire che all'inizio la cosa è stata molto sofferta. 
Da una parte andando lenti rispettando le tappe mi ha fatto un pò perdere l'interesse per questo libro, tant'è che fino a metà del tomo non era scaturita in me alcuna emozione, poi da metà fino alla fine la serie di eventi che si sono susseguiti ha innalzato di molto il mio livello di attenzione tanto da divorarlo in un giorno solo.
Praticamente ho percorso due tappe e mezza in poco più di dodici ore.

La storia è quella di Rose, Dhampir - mezza umana e mezza vampira, ragazza diciassettenne aspirante guardiano di Lissa, la sua migliore amica Moroi - vampira a tutti gli effetti.
Le due, per un inspiegabile motivo che ci è stato tenuto all'oscuro sino alla fine, erano scappate (già prima del libro) dall'Accademia dove vivevano e studiavano. Per due anni si sono date alla latitanza finchè un giorno sono state rintracciate dai migliori guardiani della scuola per essere riportate indietro.
Questo ritorno ha dato il via ad una serie di eventi semi-catastrofici: dapprima le voci di corridoio sul motivo per cui le due ragazze erano fuggite - teorie e bugie che rasentavano il ridicolo, e poi strani scherzi di animali morti.
Rose e Lissa difronte a questi avvenimenti hanno fatto sempre fronte comune: nessuno doveva sapere quello che stava succedendo alla ragazza vampiro, e che cosa lei in realtà era, altrimenti sarebbe stata in pericolo.

La protagonista assoluta di questo primo libro è Rose, la Dhampir guardiano. Descritta come bella e sensuale: a differenza di tutti gli altri novizi aspiranti guardiani lei era l'unica ad avere l'idea precisa e la consapevolezza di cosa volesse dire essere "guardiano", e l'unica a prendere seriamente il suo ruolo, nonostante l'età.
"E' difficile dire che cosa, alla fine, mi spinse a farlo. Mi ero tenuta moltissimi segreti per molto tempo, facendo quello che credevo giusto per proteggere Lissa. Ma nascondere il suo autolesionismo non serviva a proteggerla. Non ero stata in grado di farla smettere, e adesso mi chiedevo davvero se fosse per colpa mia che lei aveva iniziato."
Per questo, di ritorno all'Accademia, le venne affiancato il guardiano russo Dimitri Belikov - ventiquattrenne navigato, bello da mozzare il fiato - affinchè le insegnasse tutte le tecniche di difesa e la preparasse al meglio per il ruolo di protettrice di Lissa.
Inutile che vi anticipi la chimica che si instaura tra i due, anche se **SPOILER** alla fine mi ha lasciato insoddisfatta, speriamo nel secondo libro di avere di meglio.
"Non potevo essere la ragazza di Mason perché quando immaginavo qualcuno stringermi e sussurrarmi cosacce all'orecchio, quella persona aveva un accento russo."
Nonostante Rose sia l'incarnazione della diligenza e affidabilità nel suo ruolo, al di fuori di questo è una ragazza dall'imprecazione facile, la quale difronte ad una rissa non si tira indietro
Lissa, invece, a differenza di quello che pensiamo dei vampiri, è si un vampiro nel senso che si nutre di sangue umano, è sensibile alla luce ecc ecc ecc, ma - in questo caso - l'immortalità non è una sua prerogativa. E per di più è dotata di arti magiche. Vampiri mortali che praticano la magia.
Per questo motivo devono essere protetti dai guardiani. 
La principessa Lissa (si, è una principessa), è descritta - al contrario di Rose - come una ragazza fragile ed "instabile". Ma qui non vorrei svelare nulla.
In questo libro, quelli che noi conosciamo come vampiri sono denominati Strigoi, la faccia malvagia del vampirismo. Essi sono immortali, si nutrono di sangue Moroi per sopravvivere, sono pallidi con gli occhi rossi... insomma "vampiri".

Tutto questo primo volume è incentrato sul legame che lei due ragazze hanno, che va molto al di là del fatto di essere il vampiro e il suo guardiano: sono migliori amiche, si proteggono l'un l'altra tanto da rischiare la propria vita per farlo. Un legame indissolubile. Il preambolo per qualcosa di più grandioso che spero di leggere nel secondo libro.
Un mix tra Harry Potter e The Vampire Diaries, dove Hogwards è l'Accademia protetta dalla magia per tenere al di fuori i malintenzionati e gli studenti all'interno; dove i reali Moroi si nascondono per sopravvivere agli Strigoi, i quali mi ricordano molto Voldemort.
Un libro carino, ma non così entusiasmante da renderti dipendente. 

Il mio voto

4 commenti:

  1. In conclusione, vedo che non ti è dispiaciuto particolarmente. Dovrò farci un pensierino :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non mi è dispiaciuto infatti. Ma potrebbe essere stato meglio. Vedremo nei libri successivi come si evolverà la storia. :)

      Elimina
  2. Sono felice che ti sia piaciuto abbastanza *-* gli altri libri, ormai l'ho detto a tutti, sono uno più bello dell'altro, quindi vedrai che noterai un bel miglioramento :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora leggerò di sicuro gli altri... anzi, mi metto sotto con "morsi di ghiaccio"!!

      Elimina