AVVISO
Dall' 1 Aprile 2017 tutte le collaborazioni con case editrici e autori sono sospese.
Mi riservo di pubblicizzare soltanto i libri che ritengo per mio gusto interessanti.
Qualsiasi altra richiesta non verrà presa in considerazione.

    

domenica 13 luglio 2014

Recensione: "Vita dopo vita" di Kate Atkinson

Buongiorno lettori, e buona domenica! E' domenica giusto? Ho perso il conto dei giorni. Sono ancora in trasferta in Germania, per poco ancora, e stasera c'è la finale dei mondiali di calcio dove, appunto, la Germania gioca. Speriamo che vinca, speriamo che perda... chi lo sa! So solo che oggi qui le strade saranno vuote! E io da brava "Auslanderin" coglierò l'occasione e andrò a far la turista in giro per la città. Nel frattempo, vi lascio la recensione dell'ultimo libro che ho letto.

Titolo: Vita dopo vita
Titolo originale: Life after life
Autore: Kate Atkison
Casa editrice: Nord
Pagine: 531
Prezzo: 18,60€
Data di uscita: 22 maggio 2014


Sinossi: In una gelida notte di febbraio del 1910, a Londra nasce una bambina. Il cordone ombelicale è stretto intorno al suo collo, e nessuno riesce a salvarla. Quella stessa notte, a Londra nasce una bambina. Il cordone ombelicale è stretto intorno al suo collo, ma il medico di famiglia, giunto proprio all'ultimo istante, lo taglia e permette alla piccola di respirare. Inizia così la vita straordinaria di Ursula Todd, una vita che, nel corso degli anni, verrà spezzata più e più volte, mentre l'umanità si avvia inesorabilmente verso la tragedia della guerra. Vita dopo vita, Ursula troverà la forza di cambiare il proprio destino, quello delle persone che incrocerà e quello del mondo intero?


La mia recensione
CONTIENE SPOILER
★★
Sinceramente? Non ho capito questo libro!
E sinceramente non capisco neppure per quale motivo questo dovrebbe essere un "romanzo eccezionale" come recita la copertina della versione italiana.
Ho perso il conto di quante volte Ursula perde la vita e rinasce di nuovo qualche anno prima.

I continui andirivieni da un anno all'altro mi hanno fatto fare non poca confusione; cosa accade e quando?
Ma la domanda che mi son fatta, forse la più importante, è: perché Ursula si ricorda delle sue vite passate?
All'inizio questa cosa è descritta come un particolare "sentore" che fa prendere decisioni diverse alla protagonista rispetto a quelle che ha preso nella sua vita precedente; ma verso la fine ci troviamo difronte a veri e propri flash-back con tanto di ricordi vividi. E questo non è umanamente possibile. Si, certo, questo è un libro di fantasia... ma io comunque non lo capisco.

La scena della nascita è raccontata infinite volte che ad essere sinceri alla fine non ricordo quale sia stata quella "definitiva". L'unica cosa di cui sono sicura è che nevicava!
Quando invece inizia il periodo della guerra (ci troviamo tra il primo dopoguerra e la seconda guerra mondiale) le cose per me si son fatte un po' più semplici. I racconti delle varie vite erano più lunghi, in termini di pagine, con più avvenimenti e dettagli, e Ursula "moriva di meno". Sono riuscita a star al passo con la storia, in poche parole.

La fine invece è stata insapore. Davvero insapore.
In definitiva questo libro non mi ha fatto granché emozionare (e lo dimostra il fatto che ho davvero poche parole per scrivere una recensione decente). Sono andata avanti con la lettura a rilento soltanto per scoprire come terminava, e quello che ho scoperto non mi ha lasciato nulla.
Certo, è una lettura alternativa alle tante storie d'amore che ci sono in circolo in questo periodo, ma più che osannare questo libro in quanto ad originalità io punterei più al "filosofeggiare": come fa Ursula a ricordarsi delle vite passate? Se qualcuno ha la risposta batta un colpo! 

5 commenti:

  1. Non ho letto la tua recensione, visto che contiene spoiler, però le tue due stelline dicono tutto. Sinceramente mi incuriosiva molto questo libro, peccato! Lo leggerò soltanto se mi capiterà di trovarlo scontato, altrimenti mi fiderò del tuo parere ^^ comunque buon divertimento in Germania!

    RispondiElimina
  2. Mmmh, dalla recensione che ne hai fatto, l'unico spunto interessante che posso darti è quello di leggere "All You Need Is Kill" di Hiroshi Sakurazaka o meglio, di vedere "Edge of tomorrow" il film che ne è stato tratto. Ritengo sia un buon compromesso per riappacificarti con questa trama! Certo non ti farà apprezzare di più Vita dopo vita, ma forse ti regalerà un'alternativa decente basata sulla medesima idea di fondo!

    RispondiElimina
  3. Questo libro è stato adorato da molti, ma il tuo non è il primo parere negativo che sento. Onestamente non mi attira per niente, lo vedo troppo come un mattone. (:

    RispondiElimina
  4. Ho letto sia pareri positivi, sia pareri negativi su questo libro, ma quelli negativi puntano il dito proprio su cose che in genere non piacciono neanche a me. Peccato.

    RispondiElimina
  5. Guarda, meno male che ho letto la tua recensione perché proprio oggi sono andata in libreria e volevo prenderlo!! Non l'ho fatto ma lo avrei fatto e mi hai salvata da 18 euro mal spesi xD grazie!!
    Ps. Divertiti in Germania!!

    RispondiElimina