mercoledì 3 settembre 2014

Unterwegs #2: ossia la puntata dove ci si dispera per l'attuale alloggio e si passano le notti a cercarne un altro

Buonasera miei cari lettori, oppure dovrei dire buonanotte!
Qui a Friburgo regnano le nuvole, e il fresco (non che l'estate sia stata tanto soleggiata, eh!)
Sono qui in terra tedesca da quasi una settimana e mi sono già demoralizzata-sconsolata-e privata di lacrime non so quante volte!
Sono partita carica di aspettative e, appena ho messo piede nel mio alloggio, mi son cadute le braccia oltre alle valigie che mi trascinavo dietro!
A parte al fatto di essere capitata in una casa di italiani (quindi qui mettiamo a tacere il mio subconscio che mi dice "devi parlare tedesco anche a casa così lo impari prima"), il resto è stato un vero disastro.
Per la privacy non dovrei raccontare nulla... dico solo: io non mi comprerò mai animali domestici, tanto meno quelli che diventano grandi quanto me. Punto.
Dopo aver passato a fondo la mia stanza e averla resa pressapoco priva di polvere giusto il minimo per non tossire ogni volta che ci entravo, mi son data da fare per trovare un nuovo alloggio o appartamento condiviso. Di media spendo tutte le mie serate a cercare online tra gli annunci di stanze/appartamenti liberi e a scrivere email agli inserzionisti. Badate, email in tedesco! Metà del tempo lo perdo a übersetzare XD
Comunque, oggi avrei trovato il luogo dei miei sogni! Dico avrei perchè ancora non ho ottenuto risposta, speriamo nei prossimi giorni che qualcuna delle coinquiline mi risponda altrimenti *puff* il sogno vola via!
Ad ogni modo, il mio motto è: andare a vivere con ragazzi che parlano altre lingue.
I motivi di questo mio motto sono diversi, a partire dal fatto che in questo modo sono obbligata a non parlare la mia lingua, e quindi imparo più facilmente l'altra per cui sono venuta qui. E poi si possono imparare culture diverse, e soprattutto stare insieme ad altre persone e farsi nuovi amici.
Entro fine settembre conto di trovare un altro posto dove vivere; se così non fosse vi prego venite a prelevarmi!!

Circa il cibo, vediamo, abbiamo qualche problema qui. Forse sono io che sono pignola e che per comprare qualcosa devo sapere che cosa contiene "quel" qualcosa, sta di fatto che appena giro il pacchetto di qualsivoglia alimento per leggerne appunto gli ingredienti mi viene lo sconforto perchè non riesco a leggerli! A parte Zucker e Schokolade chi li sa gli altri?
Devo decisamente prendermi il vocabolario e farmi una cultura in merito.

Riguardo il mio lavoro invece nulla da ridire: amo il mio lavoro, anche quando non capisco quello che i miei Mitarbeiter mi dicono XD
Qui vige il "se non hai capito sono felice di spiegarti come si fa", altro che in Italia!
Qui si viene valutati per quello che si è capaci di fare e per le proprie capacità, cosa che... bla bla bla in Italia.
Tutti i colleghi sono molto "freundlich", ti salutano quando entri nel loro ufficio o anche se solo ti vedono passare nel corridoio, ti chiedono come va, ti invitano a mangiare con loro.
Forse è una loro tattica quella di essere molto easy sul luogo di lavoro, così sei più invogliato a lavorare bene, e tanto. Mah.

Per finire, un piccolo advice: se dovete raggiungere la Germania in treno, mi raccomando, scegliete i posti in centro carrozza che hanno il ripiano per le valigie abbastanza grande altrimenti sarete costretti - come me - a metterle nel posto riservato alle bici! Che disdetta!

Vi aspetto al prossimo resoconto, sperando nel frattempo di potervi raccontare qualcosa di più entusiasmante... {PS: tanto per la cronaca, stasera volevo guardarmi una nuova puntata di Outlander ed andare a letto presto, ed invece sono ancora qui che scrivo email XD}
Viele liebe Grüße!

4 commenti:

  1. Ok....i tuoi racconti di vita tedesca mi piacciono tantissimo! Beh per lo meno i tuoi Mitarbeiter sono freundlich....pensa se ti trovassi male anche a lavoro. Non vedo l'ora di saperne di più.
    Guten Nacht!

    RispondiElimina
  2. tieni duro, stringi i denti e prega di trovare subito un altro posto amore!! Possibilmente un posto dove possa stare anche io quando vengo su! *-*

    RispondiElimina
  3. È carino leggere questi tuoi resoconti e vedere come te la passi in un altro paese, continua così :D e va beh, tieni duro! Magari sul lavoro fosse così anche in Italia XD

    RispondiElimina
  4. Coraggio, i primi giorni all'estero sono sempre da delirio!! Ma poi penserai anche a loro con un pizzico di nostalgia! Concordo pienamente con il fatto di vivere con non-italiani, è fondamentale per imparare più in fretta la lingua straniera!! Quando ero erasmus in Spagna i miei conquilini venivano da Polonia, Spagna, Francia e Brasile! La compagnia migliore è stata quest'ultima! Facci sapere come andrà! Un abbraccio

    RispondiElimina