venerdì 12 settembre 2014

Unterwegs #4: Casting WG, la ricerca di nuovi Mitbewohner è come scovare nuove star!

Dopo quasi una settimana, torno di nuovo a far rapporto.
Questi ultimi giorni sono stati abbastanza sfiancanti, vuoi per il lavoro, vuoi per la ricerca di un nuovo posto dove alloggiare, sta di fatto che ero sempre sul filo del rasoio.
Ma devo dire che *finger crossed* tutto si sta risolvendo.

Ho passato un lunedì lavorativo (non so se lo sapete cosa vuoi dire alzarsi alle 6:10 il lunedì mattina!!) di nuovo all'Europapark, sempre con lo stesso collega che, anche stavolta, non ha mancato di prendermi in giro (in senso buono s'intende... o almeno spero!). La zona di nostro interesse era uno "stand" (come li chiamano in Italia) o "Halle" (per i tedeschi) abbastanza datato dove all'interno stavano allestendo una delle attrazioni dell'Horror Nights. Siccome appunto era datato, negli angoli più nascosti - dove naturalmente noi dovevamo andare - erano pieni di ragni e ragnatele... e chi doveva andarci? Naturalmente io perchè ero la più piccola e passavo dappertutto!! Sicchè mi son sentita dire nuovamente "Ah, ma se hai paura di questo allora questo lavoro non fa per te!". Stendiamo un velo pietoso.
E poi, vagando all'interno dell'attrazione siamo incappati in un finto letto, messo lì come oggetto di scena, e - sempre il mio collega - mi dice "Ah, Elisa, tu che cerchi un nuovo appartamento... guarda! Qui puoi soggiornare!".
Eh certo! In effetti, c'era pure un bagno con tanto di vasca stile Psyco. No grazie!
Comunque, a parte questi piccoli momenti di "spirito", sono sempre ben voluta a lavoro. Diciamolo, io mi faccio amare XD E sono ben ricompensata. Certo, a volte il mio "Chef" (che non è il cuoco, ma il capo) mi lascia senza far nulla, ma io mi ingegno in qualche modo. E,
Ciò che mi dava fastidio, era che parlavano in gaelico chiaramente per escludermi.
Non è propriamente così perchè i tedeschi non parlano in gaelico, ma questa frase tratta dall'ultimo episodio di Outlander mi dipinge perfettamente: a volte i miei colleghi parlano in dialetto e io per quanto mi sforzi di seguirli riesco solo ad afferrare qualche parola. Il peggio arriva però quando a parlare è un francese tedesco, il quale pronuncia tutte le "ch" con "sch"... sicchè per dire la parola "io" (in Italiano) ossia "ich" sembra che ti stia dicendo di star zitto.. "Isch", che inserito in mezzo ad altre parole fa un miscuglio di sh sh sh sh che non si capisce nulla. E io rispondo sempre con "Was?".
Cosa dite? Se parlo italiano ogni volta che loro parlano dialetto chi pensate che capisce di più? Si accettano scommesse XD
Comunque dalla prossima settimana inizio un corso supplementare di lingua tedesca, così progredisco con la grammatica e con il parlare la lingua in modo corretto (perchè diciamolo, vivendo in una casa di italiano chi vuoi che parli tedesco? E' anche questo infatti che cerco un altro posto dove vivere... per questo motivo, e per altri ben più importanti).

Riguardo agli appartamenti appunto, dio solo sa quante mail ho inviato in questa settimana.
Ogni sera appena arrivavo a casa dal lavoro mi fissavo al computer e cercavo nuovi annunci. Di media spedivo quattro o cinque email di contatto al giorno, e per quanto volessi risultare simpatica o fare una buona impressione, il mio tedesco elementare mi remava contro.
Ma alla fine sono riuscita ad ottenere quattro appuntamenti. Uno poi è stato cancellato il giorno stesso, ma mi rimanevano comunque gli altri tre su cui fare affidamento.
Mi bacerei i gomiti se riuscissi ad entrare nella casa che ho visto ieri: la ragazza che ci abita già sembra molto simile a me, e da quello che ho capito dal suo parlare sembra abbiamo anche cose in comune (a parte lo sport!). Ed infatti oggi mi ha contattato dicendomi che sono una delle favorite! Ma non voglio gridar vittoria prima del tempo. Incrocio le dita fino al giudizio finale.
Le altre due invece sono da scartare di sana pianta. Sarò io che ho degli standard troppo elevati, ma cosa vogliamo farci se pretendo almeno un minimo di pulizia e ordine? No eh... Mah.
Mi sa che mi devo adattare.

Comunque, come dice il titolo, i fortunati (come me) che riescono ad ottenere un invito per visionare l'appartamento in questione è come se stessero partecipando ad un casting: mille domande, cosa fai cosa non fai, quali sono i tuoi hobbys, cosa fai dopo il lavoro, vai a letto presto la sera, quando ti alzi la mattina, da dove sei, e bla bla bla. E poi naturalmente chi ti ha invitato ha anche l'incombenza di scegliere tra tutti chi è adatto a far parte del WG (Wohngemeinschaft).
Casting WG, un modo più moderno e gentile di dire "scelgo io chi voglio che viva con me anche se l'appartamento non è mio e come gli altri sono pure io in affitto".
Ecco. Finora è andata bene, a parte i luoghi brutti e qualche gaffe linguistica. Per il resto, finger crossed!

Come sempre, vi lascio per finire un paio di foto "cittadine". A presto!

Stadttheater

Nuova biblioteca universitaria
PS: Avete notato che ho messo una nuova "tappezzeria" al blog? Spero vi piaccia, perchè a me piace tanto! Stavolta sono davvero soddisfatta

Nessun commento:

Posta un commento